Menu

eMail Galliche
eMail:

PassWord:



Sei il visitatore n░



 

Venerdì 24 : ore 15, ahimè in macchina (piove e pare farà peggio) partiamo alla volta di Roncadelle, dove Ilario ha prenotato una stanza anche per noi.
Lungo la strada a poco a poco smette di piovere e da Novara in poi c’è anche il sole…il solito culo!
Alle 17:30 più o meno siamo a destinazione. Posiamo i bagagli in stanza e decidiamo di fare un giro turistico per il paese, alla ricerca di un supermercato dove comprare un po’ di generi di conforto (più che altro liquidi, come al solito!). Verso le 18 chiamo Ilario che mi dice che loro non sono ancora partiti e che si farà vivo quando saranno a Milano per decidere se ceniamo insieme, o no. Poco più tardi mi richiama: ha sentito Ancelotti che gli ha detto che sta arrivando al circuito un sacco di gente, per cui teme che non si troverà più posto per attrezzare il “Box dei GalliCisalpini” e ci chiede di andare sul posto per delimitare una zona e tenere botta fino al loro arrivo.
Per le 19 siamo all’autodromo e parcheggiamo la macchina nella zona che il buon Ancelotti ha già provveduto a delimitare per noi. Comincia l’attesa.
Verso le 21 Ilario mi richiama comunicando che sono in coda a Milano dove c’è stato un incidente, per cui non sanno quando riusciranno ad arrivare: noi due decidiamo di andare a mangiare un boccone al lussuosissimo ristorante dell’Autodromo.
Finalmente (verso le 22) arrivano anche Ilario, Barbara, Giannino, Massimo e Michele e, lasciato il furgone di Giannino nel “nostro” spazio, ritorniamo a Roncadelle: i neo arrivati stanno morendo di fame!
A mezza notte tutti in albergo: appuntamento per colazione domattina alle 8, in modo da poter essere all’autodromo per le 9.

Sabato 25: dopo colazione (appena un pelino in ritardo sull’ordine di marcia stabilito ieri sera) di nuovo tutti all’autodromo dove troviamo Christian che è arrivato all’alba. Soliti patemi per le iscrizioni (manca sempre qualcosa, ‘sta volta sono le foto delle moto di Giannino e Massimo), ma poi tutto si risolve. Alle 11:30 ci sono le prove libere e i nostri vanno.
Nel frattempo sono arrivati Matteo e Gino con Lucia.
Quando rientrano Giannino dice che la moto “saltella” e questo comporterà un bel po’ di lavoro sino alle 15:30, ora delle prove cronometrate.
Partenza (i “nostri eroi” buon ultimi come vuole la tradizione!): giro dopo giro Christian, Giannino e Massimo passano e ripassano davanti alle tribune, ci sembra vadano alla grande…solo Massimo, alla prima esperienza in circuito su questa moto, sembra un po’ legato. Ad un certo punto, però, ci rendiamo conto che non abbiamo più visto passare Christian…in effetti passano e ripassano tutti, ma di Calipups neanche l’ombra: cosa sarà successo? Cominciamo ad essere tutti preoccupati.
E ne abbiamo anche il motivo: Chris è caduto in un punto che non vediamo del circuito e si è pure fatto male. Quando scendiamo dalla terrazza, infatti lo troviamo seduto “ai box” con il polso sinistro fasciato e un po’ abbacchiato. Ci racconta che, in rettilineo, quando ha toccato i freni per prepararsi alla curva, ha sentito la gomma posteriore fischiare e si è ritrovato di colpo a rotolare sbalzato di sella. Il “team manager” (Ilario,of course), gliene dice quattro perché ha “pasticciato” il freno (non sono riuscita a capire se l’ha tirato, o mollato, ma ha comunque modificato le cose) e andrà avanti a ricoprirlo di improperi per il resto del pomeriggio e della sera…povero Christian, come si dice “cornuto e mazziato”.
Per cena si è combinato con Arosio e quelli del MotoGuzziWorldClub di andare tutti insieme al ristorante dell’autodromo: ci ritroveremo in piacevolissima compagnia (il mondo dei guzzisti, si sa, è fatto di persone splendide!) a condividere un’ottima cena, tra l’altro in parte offerta dal MGWC.
Christian però è sempre più dolorante: adesso zoppica e ha anche male al costato per cui, da brava zia, decido che è ora di portarlo a nanna. Per questo Riccardo, Christian (carico delle pomate “imprestate” da altri commensali), Massimo ed io rientriamo in albergo a Roncadelle.
Dimenticavo: Christian è 5°, Giannino 11° e Massimo 21°.

Domenica 26: a colazione ci troviamo di nuovo tutti più o meno insieme intorno alle 8, anche perché le nuove prove cronometrate cominceranno alle 9:30. Christian è sempre più dolorante: adesso ha veramente dolore anche al costato, la caviglia gli fa sempre più male, solo il polso sembra stazionario.
Piove!
Arrivati al circuito, dopo breve consiglio, si decide che lui salterà le prove (non è obbligatorio farle, può tenere buoni i tempi del giorno prima) e che io lo accompagnerò al Pronto Soccorso più vicino.
Mentre Giannino e Massimo si preparano a rientrare in pista, Christian ed io partiamo alla volta di Chiari dove mi hanno detto esserci l’Ospedale più vicino. Qui passeremo tutta la mattinata, tra una lastra e un’attesa, io in sala d’aspetto e lui dentro su una sedia a rotelle. Quando finalmente “me lo restituiscono” ha il polso ingessato (frattura di scafoide e radio), ma per fortuna caviglia e costole sono solo ammaccate. Ovviamente è molto abbacchiato, anche perché l’ortopedico gli ha detto che dovrà essere operato, o comunque farsi tre mesi di gesso! (Fortunatamente quando si farà vedere al C.T.O. a Torino, i medici escluderanno la necessità dell’operazione, anzi gli diranno che 40 giorni di gesso saranno sufficienti!). Rientriamo mestamente all’autodromo, dove ci aspetta un piatto di riso e spezzatino, gentilmente offerto dai nostri vicini di “box”.
In mattinata sono arrivati anche Paolo e di nuovo Matteo con Elisa.
Naturalmente sta continuando a piovere, ma questo non ha creato problemi ai nostri indomiti cavalieri, anzi, sia Massimo che Giannino hanno riportato dei tempi ottimi, tanto che Massimo adesso è primo, Giannino…terzo? (non sono sicura) e Christian, se non fosse per il braccio ingessato, potrebbe ancora partire dalla quinta posizione.
Le cose però sul circuito precipitano insieme alla pioggia e ad una serie di moto, una delle quali romperà il motore inondando la pista di olio, che verrà ulteriormente sparso dall’acqua. Poiché i responsabili del circuito constatano l’impossibilità di rendere di nuovo sicura la pista, le gare vengono sospese. Un po’ tristemente smontiamo i gazebo e carichiamo le moto sui furgoni, si torna a casa. Appuntamento alla prossima gara a luglio, forza Christian, ce la puoi fare!

laZia


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le Moto dei Galli Cisalpini



ContattaciGalliCisalpini.it© Moto Guzzi Club Galli Cisalpini